Cigognola
Il Comune
Cigognola
Dista circa 25 km da Pavia

Link per Approfondire
La Storia
Cigognola è citato nel diploma federiciano del 1164, con cui il territorio dell'Oltrepò settentrionale e centrale venne posto sotto la giurisdizione di Pavia. Da questo si deduce che doveva essere una località fortificata sotto un proprio signore locale (dominus loci). Fu successivamente signoria della potente casata pavese Sannazzaro, principale esponente di parte guelfa in Oltrepò, qui rappresentata da uno dei principali rami della famiglia (i de Cigognola). Nel 1406 furono estromessi, per gli intrighi dei Beccaria di Pavia, che si impadronirono del feudo. Nel 1415 però i Beccaria, coinvolti in una congiura contro Filippo Maria Visconti, conte di Pavia e duca di Milano, ebbero confiscato il feudo, che fu concesso allo scopritore della congiura, Giorgio Aicardi, e ai suoi famigliari, che per il privilegio concesso dai Visconti di assumere il loro cognome, diedero origine alla casata dei Visconti Aicardi, detti anche Visconti Scaramuzza da un soprannome. In realtà agli Aicardi toccava metà circa del feudo di Broni, comprese le terre usurpate ai Sannazzaro, come Cigognola; tuttavia di fatto ai discendenti rimasero, oltre al titolo nominale di conti di Broni, solo Cigognola con le sue lontane dipendenze di Canevino e Albaredo Arnaboldi (su cui ancora avanzavano pretese i Sannazzaro, quietati poi con un indennizzo in denaro). I Visconti Aicardi Scaramuzza tennero il feudo di Cigognola, fino all'estinzione nel XVIII secolo, dopodiché passò a Barbara d'Adda e al figlio di lei, Alberico XII Barbiano di Belgioioso, ultimo feudatario di Cigognola. Il feudalesimo infatti fu abolito nel 1797. I feudatari avevano estesissimi beni a Cigognola, comprendenti anche il castello: in epoca napoleonica furono acquistati dai Gazzaniga e passarono per eredità agli Arnaboldi-Gazzaniga e agli attuali proprietari, Brichetto-Arnaboldi.
Contattaci
2047

Visualizzazioni
Informazioni
Dove Siamo
Ottieni indicazioni
La Storia
Cigognola è citato nel diploma federiciano del 1164, con cui il territorio dell'Oltrepò settentrionale e centrale venne posto sotto la giurisdizione di Pavia. Da questo si deduce che doveva essere una località fortificata sotto un proprio signore locale (dominus loci). Fu successivamente signoria della potente casata pavese Sannazzaro, principale esponente di parte guelfa in Oltrepò, qui rappresentata da uno dei principali rami della famiglia (i de Cigognola). Nel 1406 furono estromessi, per gli intrighi dei Beccaria di Pavia, che si impadronirono del feudo. Nel 1415 però i Beccaria, coinvolti in una congiura contro Filippo Maria Visconti, conte di Pavia e duca di Milano, ebbero confiscato il feudo, che fu concesso allo scopritore della congiura, Giorgio Aicardi, e ai suoi famigliari, che per il privilegio concesso dai Visconti di assumere il loro cognome, diedero origine alla casata dei Visconti Aicardi, detti anche Visconti Scaramuzza da un soprannome. In realtà agli Aicardi toccava metà circa del feudo di Broni, comprese le terre usurpate ai Sannazzaro, come Cigognola; tuttavia di fatto ai discendenti rimasero, oltre al titolo nominale di conti di Broni, solo Cigognola con le sue lontane dipendenze di Canevino e Albaredo Arnaboldi (su cui ancora avanzavano pretese i Sannazzaro, quietati poi con un indennizzo in denaro). I Visconti Aicardi Scaramuzza tennero il feudo di Cigognola, fino all'estinzione nel XVIII secolo, dopodiché passò a Barbara d'Adda e al figlio di lei, Alberico XII Barbiano di Belgioioso, ultimo feudatario di Cigognola. Il feudalesimo infatti fu abolito nel 1797. I feudatari avevano estesissimi beni a Cigognola, comprendenti anche il castello: in epoca napoleonica furono acquistati dai Gazzaniga e passarono per eredità agli Arnaboldi-Gazzaniga e agli attuali proprietari, Brichetto-Arnaboldi.
Trionfo di voci e sapori vivaci Vicomune, Valle Scuropasso, Cigognola in festa
CIGOGNOLA Piazza Castello a partire dalle ore 9:00 Piccolo mercato di prodotti agro-alimentari Sala Consiliare del Palazzo Municipale ore 10:30 - Presentazione del libro Il popolo dei Sapori di Carlo Aguzzi - Mostra fotografica ViviSezioni di Eugenio Marchesi - Chiesa di San Bernardo Abate ore 11:00 Santa Messa Pro Loco – Parco delle Feste ore 12.30 Pranzo con polenta, salamini e gorgonzola, panini, dolci e vini locali Sala Consiliare del Palazzo Municipale ore 16:00 - Presentazione del libro Mangià ad Campagna di Alida Bazzini - Mostra fotografica ViviSezioni di Eugenio Marchesi VALLESCUROPASSO Circolo di Vallescuropasso a partire dalle ore 16.00 - Merenda con pane e salame, vini locali; piccola mostra di cavalli e pony; giochi e spettacoli per i più piccoli VICOMUNE Chiesa di San Rocco ai Fondoni ore 21.00 - Concerto L'amour est un oiseau rebelle per voci e pianoforte. Soprano Elisabeth Nosotti; tenore Ennio Bellani; baritono Valerio Sgargi; pianoforte M° Fabio Baldina. Musiche di Händel, Mozart, Donizetti, Bizet
A: Cigognola, Vallescuropasso, Vicomune,
Dal 18/10/2015 09:00 Al 18/10/2015 21:00
Trio delle Terre Verdiane
In località Vicomune - Largo via Maria Giorgi
A: Cigognola
Dal 16/08/2015 21:15 Al 16/08/2015 01:00
Ciao sono il comune di Cigognola, vieni a vedere il mio primo post sul sito Paviatourism.com
Compila il modulo
capcha
ACQUISTA LA PAVIACARD