Casteggio
Il Comune
Casteggio
Dista circa 26 Km da Pavia

Link per Approfondire
La Storia
Il nome odierno deriva da Clastidium. Di origini liguri, appartenendo a quel popolo che i Greci chiamavano Anamari, e che corrisponde quasi certamente a quelli che i Romani chiamavano Marici, distesi tra l'Appennino e le due sponde del Po attorno a Pavia. Clastidium divenne uno dei maggiori villaggi della zona. Conobbe i Romani nel 223 a.C. quando i Marici furono indotti a un'alleanza contro gli Insubri. Poco dopo, nel 222 a.C., gli Insubri, appoggiati da mercenari celti provenienti dalla valle del Rodano, attaccarono la località, ma furono sconfitti dai Romani prontamente giunti in soccorso al comando del console Marco Claudio Marcello. La vittoria nella battaglia di Casteggio aprì ai Romani la via per la conquista di Milano. Nel 218 a.C. Annibale, sconfisse i romani presso il Ticino e corruppe il comandante del presidio romano di Casteggio, Dasio Brindisino, facendosi consegnare tutte le derrate che i Romani vi avevano depositato. Nel 197 a.C. il console Quinto Minucio Rufo costrinse dapprima numerosi "oppida" liguri alla resa, tra cui Casteggio; poi, in circostanze non chiare, probabilmente per punire una ribellione, diede l'abitato alle fiamme. Risorta successivamente, non riacquistò più l'antica importanza, ma fu assoggettata alla colonia di Piacenza, nel cui territorio fu un fiorente centro di cui restano numerosi reperti provenienti da tombe e ville. Nel 1164 Federico I l'assoggettò, con gran parte dell'attuale Oltrepò, al comune di Pavia e pur se vi ebbe la preminenza la famiglia pavese dei Beccaria, rimase libera da signorie feudali fino al XV secolo. Il nome latino Clastidium era mutato, e dalle persone colte era detto Chiasteggio, seguendo il Petrarca (che così lo chiamò nel Trionfo della Fama). A partire dal 1441 negli anni succesivi divenno feudo via via dei Martinengo, degli Sforza , ai Bentivoglio, ai Del Carretto. Estintisi questi all'inizio del XVII secolo, per testamento passò ai loro cugini Sforza marchesi di Caravaggio; dall'ultima di essi, Bianca Maria, morta giovanissima (1717), passò alla figliola neonata, l'omonima Bianca Maria Sinzendorf, che resse a lungo il feudo, e infine alle sue figlie, che dal padre avevano il cognome Doria. Casteggio, subì grandi danni dalle guerre tra francesi e spagnoli del XVI secolo. Sotto i Savoia anche Casteggio conobbe una notevole ripresa economica e demografica, culminata nella seconda metà dell'Ottocento.
Contattaci
2340

Visualizzazioni
Informazioni
Dettagli Aree Camper
Luoghi da Visitare
  • • Fontana di Annibale
  • • Oratorio di S. Sebastiano
  • • Chiesa di S. Pietro Martire
  • • Palazzo Certosa Cantù
  • • Museo Archeologico di Casteggio
  • • Cantina Sociale di Casteggio
Dove Siamo
Ottieni indicazioni
Siamo sugli itinerari
La Storia
Il nome odierno deriva da Clastidium. Di origini liguri, appartenendo a quel popolo che i Greci chiamavano Anamari, e che corrisponde quasi certamente a quelli che i Romani chiamavano Marici, distesi tra l'Appennino e le due sponde del Po attorno a Pavia. Clastidium divenne uno dei maggiori villaggi della zona. Conobbe i Romani nel 223 a.C. quando i Marici furono indotti a un'alleanza contro gli Insubri. Poco dopo, nel 222 a.C., gli Insubri, appoggiati da mercenari celti provenienti dalla valle del Rodano, attaccarono la località, ma furono sconfitti dai Romani prontamente giunti in soccorso al comando del console Marco Claudio Marcello. La vittoria nella battaglia di Casteggio aprì ai Romani la via per la conquista di Milano. Nel 218 a.C. Annibale, sconfisse i romani presso il Ticino e corruppe il comandante del presidio romano di Casteggio, Dasio Brindisino, facendosi consegnare tutte le derrate che i Romani vi avevano depositato. Nel 197 a.C. il console Quinto Minucio Rufo costrinse dapprima numerosi "oppida" liguri alla resa, tra cui Casteggio; poi, in circostanze non chiare, probabilmente per punire una ribellione, diede l'abitato alle fiamme. Risorta successivamente, non riacquistò più l'antica importanza, ma fu assoggettata alla colonia di Piacenza, nel cui territorio fu un fiorente centro di cui restano numerosi reperti provenienti da tombe e ville. Nel 1164 Federico I l'assoggettò, con gran parte dell'attuale Oltrepò, al comune di Pavia e pur se vi ebbe la preminenza la famiglia pavese dei Beccaria, rimase libera da signorie feudali fino al XV secolo. Il nome latino Clastidium era mutato, e dalle persone colte era detto Chiasteggio, seguendo il Petrarca (che così lo chiamò nel Trionfo della Fama). A partire dal 1441 negli anni succesivi divenno feudo via via dei Martinengo, degli Sforza , ai Bentivoglio, ai Del Carretto. Estintisi questi all'inizio del XVII secolo, per testamento passò ai loro cugini Sforza marchesi di Caravaggio; dall'ultima di essi, Bianca Maria, morta giovanissima (1717), passò alla figliola neonata, l'omonima Bianca Maria Sinzendorf, che resse a lungo il feudo, e infine alle sue figlie, che dal padre avevano il cognome Doria. Casteggio, subì grandi danni dalle guerre tra francesi e spagnoli del XVI secolo. Sotto i Savoia anche Casteggio conobbe una notevole ripresa economica e demografica, culminata nella seconda metà dell'Ottocento.
Con Te partirò - Viaggio nel mondo del bel canto
Fino al 8 Ottobre

www.festivalborghievalli.it/estate.html

A: Casteggio - Certosa Cantù
Dal 18/09/2017 21:15 Al 18/09/2017 23:59
Festival Borghi e Valli 2016
CONTATTI : Associazione Amici della Musica Via Castello 1, 27045 Casteggio (PV) Tel. Comune di Casteggio 0383.804941 info 329.9861644
A: Casteggio
Dal 02/09/2016 00:00 Al 10/10/2016 00:00
Notte al Museo
L’iniziativa denominata “Notte al Museo” è dedicata ai bambini dai 6 ai 12 anni e cade nel giorno di Santa Lucia che la tradizione popolare considera “il giorno più corto che ci sia” Per la prima volta, sarà possibile visitare il Museo alla sola luce delle torce elettriche, nella suggestiva cornice notturna di Palazzo Certosa Cantù. Come guide d’eccezione ci saranno la “matrona romana” Ludovica e altri personaggi a sorpresa, che accompagneranno i visitatori alla scoperta dei tesori conservati nelle nostre sale. Per motivi di organizzazione l’evento, a ingresso gratuito, è tassativamente a numero chiuso (max. 50), per partecipare è obbligatoria la prenotazione. I visitatori sono pregati di munirsi di torcia elettrica, al termine un piccolo rinfresco Per prenotazioni: 0383 83941 – info@museocasteggio.it
A: Casteggio - Certosa Cantù
Dal 12/12/2012 21:00 Al 13/12/2015 02:00
FIERA DEL TARTUFO, MIELE E FUNGHI
Mostra mercato dei prodotti del sottobosco, dimostrazioni pratiche di ricerca del tartufo
A: Casteggio - Quartiere Fiera
Dal 22/11/2015 00:00 Al 23/11/2015 00:00
La Magia dell'Argilla. Domenica 20 Settembre alle 16,00
Ciao sono il comune di Casteggio, vieni a vedere il mio primo post sul sito Paviatourism.com
Compila il modulo
capcha
ACQUISTA LA PAVIACARD