Mortara
Il Comune
Mortara
Dista circa 42 Km da Pavia

Link per Approfondire
La Storia
Mortara inizialmente appartenne alla contea di Lomello, poi nel 1164 Federico I la sottopose al dominio di Pavia, e divenne sede di podesteria. Passò in seguito sotto il dominio milanese, prima dei Visconti e poi degli Sforza. Con Gian Galeazzo Visconti il borgo ottenne l'autorizzazione a cambiare il nome in Beldiporto, e che mantenne fino al 1402. Nei secoli successivi passò sotto il dominio di Gian Giacomo Trivulzio di Obicino Caccia; al ritorno degli Sforza, venne infeudata a Matteo Beccaria di San Gaudenzio. Dopo essere ritornata libera tra il 1580 e il 1613, sotto il governo spagnolo (1535-1706) Mortara divenne marchesato Nel 1707 Vittorio Amedeo II di Savoia conquistò Mortara, elevandola al rango di città regia e di capoluogo della provincia di Lomellina.
2680

Visualizzazioni
Informazioni
Luoghi da Visitare
  • • Basilica S. LORENZO sec. XIV-XV
  • • Chiesa di S. Croce
  • • Santuario S.MARIA DEL CAMPO
  • • Badia S. ALBINO sec. V
  • • Museo Civico e Museo Lomellino di Arti e Tradizioni Popolari
Dove Siamo
Ottieni indicazioni
Siamo sugli itinerari
La Storia
Mortara inizialmente appartenne alla contea di Lomello, poi nel 1164 Federico I la sottopose al dominio di Pavia, e divenne sede di podesteria. Passò in seguito sotto il dominio milanese, prima dei Visconti e poi degli Sforza. Con Gian Galeazzo Visconti il borgo ottenne l'autorizzazione a cambiare il nome in Beldiporto, e che mantenne fino al 1402. Nei secoli successivi passò sotto il dominio di Gian Giacomo Trivulzio di Obicino Caccia; al ritorno degli Sforza, venne infeudata a Matteo Beccaria di San Gaudenzio. Dopo essere ritornata libera tra il 1580 e il 1613, sotto il governo spagnolo (1535-1706) Mortara divenne marchesato Nel 1707 Vittorio Amedeo II di Savoia conquistò Mortara, elevandola al rango di città regia e di capoluogo della provincia di Lomellina.
ACQUISTA LA PAVIACARD