GLI ITINERARI

Seguendo i Pellegrini
Seguendo i Pellegrini
L’itinerario si svolge tutto in Lomellina. Partiamo da Vigevano: L'abitato sorse in una posizione strategica ai margini della valle del Ticino, nei pressi di un importante guado sul fiume. Durante il periodo visconteo-sforzesco Vigevano raggiunse il suo periodo di massimo splendore, divenendo residenza ducale e centro commerciale di notevole importanza per la lavorazione dei panni di lana e di lino. Nel 1866 sorse a Vigevano il primo calzaturificio italiano (Luigi Bocca); in circa 40 anni i laboratori diventarono 36 e quasi 10.000 le persone occupate nel settore (molte delle quali lavoranti a domicilio); nel 1937 si contavano 873 aziende con 13.000 dipendenti fino a arrivare a 900 aziende con quasi 20.000 addetti nel 1965. Lasciamo Vigevano e ci portiamo a Mortara inizialmente appartenente alla contea di Lomello. Nel 1164 Federico I la sottopose al dominio di Pavia. Passò in seguito sotto il dominio milanese, prima dei Visconti e poi degli Sforza e divenne luogo di caccia e di svago per la corte ducale. Usciamo da Mortara e ci portiamo nella città di Robbio, dove tracce del neolitico e il ritrovamento di asce risalenti all’età del bronzo, testimoniano la presenza dell'uomo già in epoca preistorica. Proseguendo sul nostro itinerario incontriamo Candia che diede i Natali, nel 1339 al cardinale Pietro Filargo da Candia. Da Candia in breve tempo raggiungiamo Breme, sede di un antico monastero che acquisì grande importanza nel 929, quando vi si trasferirono i monaci dell'Abbazia della Novalesa, distrutta dai Saraceni nel 906. Dopo una visita all’apparato monumentale di Breme passiamo da Sartirana per una rapida visita al castello e raggiungiamo Mede che in epoca romana fu un importante centro economico. La sosta sarà un pochino più lunga anche per una visita all’antica riseria Masinari. Da Mede ci spostiamo a Lomello, l’antica Laumellum, un importante insediamento romano; gli antichi eruditi attribuivano Lomello ai Levi, fondatori di Pavia. In epoca romana fu un centro importante in quanto luogo di sosta e non solo di cambio cavalli, lungo la strada che da Piacenza, portava a Torino ed ai passi alpini. Da Lomello percorriamo la strada di ritorno verso Vigevano e prevediamo una visita al Castello di Scaldasole ed all’Esposizione permanente dell’Energia a Sannazzaro dè Burgondi. Lungo il percorso incontriamo Dorno, posto a metà strada tra Pavia e Lomello sull’itinerario romano che da Piacenza portava a Torino ed i Passi Alpini. Dorno era una mutatio, cioè un punto di cambio dei cavalli. Ultima tappa, Gambolò, dove le prime testimonianze della presenza umana risalgono al Mesolitico recente (5500-4500 a.C.) e sono state individuate lungo la sponda destra del Terdoppio, Nell'età del Bronzo medio e tardo (2000-1900 a.C.), un significativo villaggio si sviluppa sempre sui dossi del Terdoppio. Opportuna la visita al museo archeologico Lomellino. Tempo necessario: 2 giorni con spostamenti in automobile.

NEWS DEI PARTNERS

CONTATTI

Compila il form qui accanto per metterti in contatto con noi. Saremo felici di darti tutte le informazioni per muoverti al meglio sui nostri itinerari.
Seguici anche su:
capcha
ACQUISTA LA PAVIACARD